Andrea Ventura “Epidemic of Nostalgia”

| by | Eventi | 0 comments:

 Attacchi di nostalgia di massa vennero segnalati negli eserciti di Francia Germania Italia e Austria durante il XVIII e XIX secolo. Il sentimento di nostalgia dovuto all’impossibilità di far ritorno a casa venne considerato il maggior rischio di malattia insieme al tifo e allo scorbuto.

I medici dell’esercito napoleonico sostenevano che la nostalgia, nella sua forma più aggressiva “annienta le resistenze e lascia il corpo senza difese da malattie e processi degenerativi”. La nostalgia venne descritta come un disturbo emotivo che si sviluppa in più stadi. Ad una prima fase di generale apatia fa seguito una seconda fase in cui si verifica una graduale paralisi delle funzioni corporee e il paziente giace privo di forze come se fosse paralizzato. La terza fase è caratterizzata da una più profonda apatia e da uno stato di grave depressione. I soggetti colpiti da questa malattia a questo punto non vogliono più mangiare. Questi attacchi di nostalgia assalivano i soldati ogni qual volta si trovavano in una situazione che provocasse ricordi di casa.

Ho letto nel rapporto di un medico militare che dei soldati svizzeri appartenenti all’armata napoleonica vennero portati a Parigi per visitare una mostra di quadri di paesaggi delle loro valli con musiche e cori tradizionali. Molti di loro a seguito di questa esperienza caddero in un profondo stato di apatia. Come conseguenza l’esercito decise di vietare intrattenimenti che coinvolgessero l’arte e la musica.

Forse, essendo io un gemello monozigote, quello dell’identità è un tema sempre presente nella mia vita, e tendo a ritornarvi più o meno coscientemente. L’idea di questa malattia mi ha profondamente colpito e ho iniziato una serie di quadri che ho intitolato “EPIDEMIC OF NOSTALGIA”. Nel mio lavoro questi giovani soldati si ritrovano profondamente addormentati, esattamente come Biancaneve, e forse, solo un incantesimo potrà svegliarli.

Negli ultimi anni ho usato spesso gli acrilici su carta. Le opere presenti sono dipinte su una serie di fogli uniti tra loro che mi permette di costruire un’immagine più liberamente potendo sempre aggiungere o sottrarre fogli mentre compongo il lavoro. La carta inoltre conferisce all’opera fragilità e movimento. In generale queste opere fanno parte di una ricerca più ampia che gioca tematicamente con la rappresentazione della mascolinità.

L’apertura della mostra è prevista per Giovedì 17 Giugno 2021,
dalle 11.00 alle 20.00 con orario continuato presso la Galleria Consadori
in Via Brera 2 a Milano, per consentire la visita evitando assembramenti. All’apertura sarà presente l’artista Andrea Ventura.
La mostra sarà visitabile durante gli orari di apertura della Galleria:
dal Martedì al Sabato
dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.
Dal 28 Giugno 2021 dal Lunedì al Venerdì
dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.